In offerta!

Quo vadis architetto

18,05

Giorgio Scianca

architetto, ideatore e redattore della testata giornalistica archiworld.tv (premio  Bruno Zevi  INARCH-ANCE per la diffusione della cultura architettonica nel 2011). Nel 2010 ha collaborato con il Centro sperimentale di cinematografia. Direttore scientifico del premio internazionale Dedalo Minosse Cinema.

COD: 978-88-9291-042-3 Categorie: ,

Descrizione

di Giorgio Scianca

La figura dell’architetto è cambiata in modo sostanziale nella realtà e nella sua rappresentazione. I 600 film, provenienti da tutto il mondo, raccontano di un nuovo corso complessivamente positivo, che vede l’architetto finalmente attivo, presente e ben conscio delle grandi problematiche dei territori, degli abitanti e degli abitati.

Le future generazioni ricorderanno probabilmente questi anni come «il periodo tra le due pandemie»: quella finanziaria che ha visto i suoi effetti dal 2010 e quella sanitaria del 2020. Dieci anni di sospensione dalla crescita, un tempo nuovo, personale, dilatato, con accelerazioni violente e pause forzate di reclusione. Rileggere questo decennio alla luce magica del cinema permette di analizzare i fenomeni di trasformazione della società. Concentrarsi sulla figura dell’architetto, del progettista, significa guardare senza pudore e remore a una delle professioni cardine del vivere civile. Il «progetto» è contemporaneamente alla base del mondo reale e di quello dei sogni. È l’anello di congiunzione tra l’essere e il desiderio di voler diventare. Gli architetti hanno questo compito da sempre. Sono sismografi ma devono anche essere futuristi. Riusciranno ancora a esserlo o si accontenteranno di occupare la casella dei tecnici per le trasformazioni del prossimo futuro? Dove stanno andando, cosa stanno facendo, come sarà l’architetto duepuntozero?

pag. 256

€ 19,00

ISBN 978-88-9291-042-3

Informazioni aggiuntive

Peso 360 g
Dimensioni 21 × 16.3 × 6 cm
Anno di pubblicazione

2021

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Quo vadis architetto”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *